Harold and Maude: guardatevelo su!!!

Vi segnalo un altro “cult movie” del 1971:  Harold and Maude, regia Hal Ashby, scritto da Colin Higgins, con la mitica Ruth Gordon (la “vicina di casa” in Rosemary’s baby).   Si tratta di una miscela di elementi macabri, ottimistici, malinconici e comici, arricchita dalle canzoni di Cat Stevens (dall’album Tea for the tillerman, tranne If you want to sing out, sing out che è stata scritta da Cat proprio per il film).  L’invito che il film lancia è chiaro: vivi, come ti pare, ma vivi!  Rivendica la libertà dell’essere strambi e/o considerati tali, la libertà di condurre  esistenze non descrivibili all’interno del quaderno righettato delle convenzioni.

Harold è un ventenne ricco e solo che ha, per usare un eufemismo, il senso del macabro: passa il tempo inscenando suicidi e andando a funerali. La madre, fredda,  autoritaria e sempre occupata nel dare party, cerca di imporgli quello che secondo lei è il suo bene.   Harold conosce Maude, arzilla 79enne amante della vita in tutti i suoi aspetti e forme, e tra i 2 nasce una intensa intesa, un amore. Maude fa scoprire al giovane il piacere degli odori, del gusto, della musica, del tatto, dell’osservare le cose che nascono, crescono, muoiono e si trasformano in altro, in un ciclo gioioso. Poi il piacere dell’ “ognuno ha il diritto di essere considerato un idiota” e il piacere del vivere, a volte anche farsi male, ma sempre vivere. Intanto la madre di Harold gli organizza appuntamenti con delle ragazze e, dopo che Harold si è liberato dalle pretendenti con le sue escogitazioni macabre (vedi video sotto), gli impone di entrare nell’esercito. Harold riuscirà a scampare anche da questa costrizione con una messa in scena. Poi dichiara alla madre che si sposerà con Maude.  A questo punto c’è una scena che mi piace molto, un attacco a Harold su 3 fronti: 1.l’intellettualismo: discorso dello psicologo (con dietro foto di Freud);  2.la società civile e le sue istituzioni: discorso dello zio generale (con dietro foto di Nixon) 3.l’istituzione religiosa: discorso del prete (con dietro foto del papa).  Quest’ultimo discorso è il più divertente perchè il prete insiste con puntigliosa morbosità sull’aspetto sessuale della relazione tra Maude e Harold come solo un religioso cattolico può fare.

Il finale non ve lo racconto, sperando che qualcuno di voi si  vada a guadare il filme!!!

 

 

 

 

 

Advertisements

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Harold and Maude: guardatevelo su!!! | www.comproorobandenere.it
  2. Cecilia
    Mag 12, 2011 @ 17:47:34

    Mi ispira un sacco, lo guardwrò di sicuro 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 4 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: